Il mio negozio Etsy e perché si chiama così


SitoArticolo2

Ho deciso di raccontarvi la storia del mio piccolo negozio Etsy, di come è nato e perché ho scelto di chiamarlo “GiuliaBelfioriGadget”, perché credo che sia una storia divertente e che forse potrà essere d’aiuto a chi desidera a sua volta aprire un proprio negozio su Etsy.

In principio avevo soltanto una pagina facebook, in cui pubblicavo i design per le t-shirt che mi divertivo a creare (e che sono ancora presenti nella pagina in un apposito album) per i siti come RedBubble o NeatoShop. Navigando per pagine simili alla mia, scoprii che c’erano diverse bravissime artiste che realizzavano dei gioielli a partire dai loro lavori grafici, come ad esempio delle collane con dei cammei coloratissimi. Siccome avevo anche io dei design da parte, visto che li pubblicavo sui sopracitati siti, volli tentare anch’io ed il 2 Novembre 2014 aprii il mio negozio Etsy grazie all’aiuto di Noemi, una ragazza gentilissima, proprietaria del GurenShop, che mi spiegò le basi e mi regalò le prime 40 inserzioni gratuite.


Una delle mie prime collane con cammeo.

Cominciò così la mia avventura su Etsy, vendendo bijoux. Esattamente, quando aprii nel lontano 2014, non mi occupavo di materiali digitali ed ecco perché decisi di chiamare il negozio GiuliaBelfioriGadget, in modo che suonasse come “I gadget di Giulia Belfiori”, anche se forse ripensandoci, avrei dovuto usare il plurale per “gadgets”! Forse oggi il nome del mio negozio può sembrare un po’ strano, e ad essere sinceri potevo cambiarlo, ma non avevo voglia di modificare tutti i file “read me” contenenti il nome del negozio… ma andiamo avanti, la storia non è finita! Come sono arrivata ai materiali digitali?
Non avevo le idee molto chiare su come intendessi procedere e cercavo di farmi pubblicità tramite la mia pagina facebook, pubblicando le foto delle mie creazioni (come ne è testimone ancora adesso un album). Provai maldestramente e senza successo a farmi notare nella rete, sopratutto su facebook, per circa 3-4 mesi prima di gettare la spugna e rassegnarmi al fatto che il mondo dei bijoux non faceva per me. In realtà dentro di me bruciava la sconfitta che avevo ricevuto, e poiché invece ero riuscita ad ottenere qualche piccolo successo coi miei design, ipotizzai una soluzione ibrida.


Una delle ultime creazioni durante il periodo in cui il negozio vendeva sia materiali digitali che bijoux. Si illumina al buio ed il suo nome è opera di una collaborazione di gruppo con delle care amiche!

Quello che avevo in mente era di tentare di vendere parallelamente sia bijoux, sia i primi materiali digitali (che erano per lo più delle carte). Il 1 giugno 2015 riaprii il mio negozio dopo un paio di mesi di stop, con un assortimento misto di bijoux e carte digitali. L’8 luglio 2015 finalmente, ebbi la mia prima vendita! Da quel giorno iniziai a notare un certo interesse per le mie carte, mentre i bijoux continuavano a rimanere per lo più ignorati, quindi alla fine presi la decisione di tornare alle origini e di rimettermi a lavorare con la grafica, campo in cui evidentemente avevo più esperienza e più successo. Lasciai scadere le inserzioni sui bijoux e caricai sempre più materiali digitali, provando a spaziare con diversi articoli, dalle carte digitali ai set di banner e tutto ciò che vedete oggi!


Le prime carte digitali che ho venduto! Cha-ching!

Ad oggi sono contenta della mia scelta e anche di aver provato a fare dell’altro, perché credo che sia sempre utile mettersi in gioco, ed imparare qualcosa di nuovo. Tuttavia, dopo questa breve storia, se c’è un consiglio che mi sento di dare a chi magari vorrebbe aprire un proprio negozio, è quello di concentrarsi solo su ciò che si ama veramente e di non smettere mai di crederci. L’impegno, lo studio e la volontà ci possono portare lontano! Oh e magari anche di non farsi scappare le 40 inserzioni gratuite, che possono sempre tornare utili!
E questo è tutto, il racconto è terminato, ma la mia storia continua ancora oggi! Grazie per averla letta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anti-spam *